Tari, Spigno: «Le imprese non possono sopportare altri rincari»

Il presidente di Confesercenti Genova, Massimiliano Spigno, interviene a proposito della pronuncia della Corte dei Conti che ha imposto al Comune un aumento della tariffa sui rifiuti per la copertura degli extra costi di Amiu.

«Alcune categorie di imprese pagano già oggi più di 60 euro a metro quadrato e oggettivamente è impensabile chiedere ancora qualcosa – esordisce Spigno –. La situazione non è nemmeno una conseguenza del Covid-19 che, peraltro, ha visto anche la ripetuta chiusura delle imprese e quindi la drastica riduzione della loro produzione di rifiuti; il problema c’era ben prima della pronuncia della Corte dei Conti. Oggi qualsiasi aumento delle tariffe non domestiche è semplicemente inconcepibile».

«A questa situazione si arriva da distante, le vicende sono purtroppo tristemente note e già denunciate da tempo e non si può quindi pensare di scaricare sulle imprese il costo di mancate scelte o di ritardi sugli impianti di trattamento anche perché – prosegue Spigno – sappiamo tutti che a Scarpino ha conferito metà dei Comuni della Liguria ed è quindi profondamente ingiusto che a farne le spese siano solo i genovesi. Bisogna che il Ministero dell’Ambiente aiuti a mettere una pezza alla situazione, per non compromettere la sopravvivenza stessa delle imprese. Anche le modalità di determinazione delle tariffe sono profondamente inique ed obsolete, senza nessuna possibilità di correttivi per riequilibrare i pesi: non si può continuare così all’infinito».

«Ricordo che sulla Tari, nonostante le richieste e i solleciti delle associazioni di categoria, i provvedimenti di ristoro del Governo sono stati tardivi e minimali, con interventi solo sulla componente variabile della tariffa e con la necessità, da parte del Comune di Genova, di intervenire con risorse proprie per calmierare i costi. Il tema si riproporrà a maggior ragione nel 2021, servono dunque risorse per abbattere i costi, altro che rincari!», conclude il presidente di Confesercenti.
 
Marco Gaviglio
 
Rassegna stampa:

Novità giuridiche finanziarie
Lo stabilisce la legge di bilancio pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre. Ogni datore di lavoro dovrà dunque corrispondere la retribuzione solo ed esclusivamente con un bonifico su conto corrente, con strumenti di pagamento elettronico, tramite assegno oppure in contanti, ma solo presso sportello bancario o postale.
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie