Un successo la Fiera di San Pietro "allargata" a corso Torino
Più forte del coronavirus e delle norme di distanziamento sociale, anche quest'anno la Fiera di San Pietro ha potuto disputarsi regolarmente, consentendo così a tutti i genovesi di godere appieno di uno degli appuntamenti tradizionalmente più attesi.

«La soluzione individuata è stata quella di dislocare parte dei banchi, oltre che nella canonica sede di via Casaregis e corso Italia, anche lungo la parallela di corso Torino. In questo modo è stato possibile salvaguardare lo svolgimento della Fiera e la salute di tutti», dichiara Roberto Zattini, presidente di Anva Confesercenti Genova.

«Ringraziamo quindi sentitamente l'amministrazione comunale ed il Comando della Polizia municipale per l'impegno profuso, in un momento delicato come quello attuale. Riteniamo - prosegue Zattini - che la sinergia tra istituzioni e associazioni di categoria sia risultata fondamentale per fare sì che una delle fiere più importanti della città abbia avuto luogo con successo.

«Forti dell'esperienza maturata, confidiamo si possa avviare un percorso di concertazione con Comune e Polizia municipale per ridurre sotto i cinquecento il numero dei banchi, in modo da garantire la sicurezza, e spostare il baricentro della Fiera di San Pietro a monte: la proposta di Anva è, infatti, di dislocare i banchi lungo tutta corso Torino, parte di via Casaregis e arrivare fino a via Rimassa, liberando corso Italia».
 
Marco Gaviglio

Novità giuridiche finanziarie
Lo stabilisce la legge di bilancio pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre. Ogni datore di lavoro dovrà dunque corrispondere la retribuzione solo ed esclusivamente con un bonifico su conto corrente, con strumenti di pagamento elettronico, tramite assegno oppure in contanti, ma solo presso sportello bancario o postale.
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie