Cinque anni dopo la chiusura dei parcheggi, in via Gherzi regna il degrado
Da ormai cinque anni, i residenti e i commercianti di Molassana denunciano la chiusura dei parcheggi di via Gherzi dove, con un blitz condotto nei giorni di ferragosto del 2014, la società immobiliare padrona dell'area mise i lucchetti a 120 posti auto che, da decenni, erano sempre stati bianchi.

Da allora, chi in quella zona di Molassana vive e lavora si è subito attivato presso tutte le istituzioni locali, dal Municipio alla Regione passando per il Comune, per chiedere il ripristino dei parcheggi. Una battaglia portata avanti, in particolare, dal Comitato esercenti via Gherzi-Molassana e dal Comitato Gherzi-Lusignani in rappresentanza dei residenti, entrambi supportati, fin dal primo momento, da Confesercenti.

«Alla base della nostra richiesta di ripristino dei parcheggi liberi, c'era il carattere di pubblica utilità di una strada che, per quanto privata, costituisce l'unico accesso alla limitrofa via Lusignani, e sulla quale insistono, oltre a numerose attività economiche, perfino una farmacia comunale, un ufficio postale e una banca», ricostruisce Giorgio Marchi, presidente del Civ Amici di Molassana.

«Cinque anni dopo - prosegue Marchi - lo scenario è quello di una piazza consegnata alla sporcizia e al degrado, nella quale convivono ancora le vecchie segnaletiche, che consentivano la sosta entro i limiti segnati, e quelle nuove, che invece la vietano, con evidenti problemi di sicurezza per i pedoni in transito. Alcune attività che vi insistevano hanno dovuto chiudere o trasferirsi e tutte, indistintamente, hanno registrato una notevole riduzione del fatturato. Fatto grave, sebbene già da dicembre del 2017 la pubblica amministrazione abbia ufficializzato l'acquisito dei due parcheggi davanti alla farmacia per consentire, almeno in quella parte di strada, la libera sosta, ad oggi anche quei pochi posti auto continuano ad essere gialli. A quando un intervento per migliorare viabilità, sosta e sicurezza del quartiere?».
 
Di seguito una fotogallery della situazione attuale di via Gherzi
 
via gherzi

Marco Gaviglio
 
Leggi anche su:

Novità giuridiche finanziarie
Lo stabilisce la legge di bilancio pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre. Ogni datore di lavoro dovrà dunque corrispondere la retribuzione solo ed esclusivamente con un bonifico su conto corrente, con strumenti di pagamento elettronico, tramite assegno oppure in contanti, ma solo presso sportello bancario o postale.
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie