Ponte Morandi, proroga all'8 ottobre del termine per la segnalazione dei danni

La Regione Liguria ha prorogato all'8 ottobre il termine per la presentazione del modello AE per la segnalazione dei danni alle attività economiche a seguito del crollo del ponte Morandi.
 
Tale modello, è sempre bene ricordare, rappresenta il passaggio necessario, ma non sufficiente, per concorrere poi ai bandi di risarcimento che verranno aperti in un secondo momento. Chi non avrà debitamente compilato e consegnato i moduli entro i termini dati, infatti, sarà automaticamente escluso da qualsiasi forma di rimborso.
 
È possibile presentare la segnalazione con due distinte modalità:
  • modello cartaceo trasmesso alla Camera di Commercio
    • tramite consegna a mano presso gli sportelli camerali predisposti, negli orari che saranno resi disponibili all'indirizzo internet delle Camere di Commercio competenti;
    • a mezzo raccomandata (al fine del rispetto dei termini previsti fa fede il timbro postale di spedizione);
    • tramite posta elettronica certificata all’indirizzo pec della Camera di Commercio
  • via telematica, attraverso la piattaforma Webtelemaco. La segnalazione deve essere sottoscritta con firma digitale del legale rappresentante dell’impresa o, qualora quest’ultimo ne sia sprovvisto, di un soggetto delegato (con specifica procura speciale).
La segnalazione del danno, come detto, deve essere presentata entro l'8 ottobre 2018.

L'impresa potrà segnalare danni a beni immobili, fabbricati (compresi impianti fissi); danni a macchinari, attrezzature, veicoli, arredi (specificare tipo di danno);  danni a prodotti finiti, semilavorati, materie prime, scorte (specificare tipo di danno); spese tecniche; danni correlati all’interruzione dell'attività (mancato guadagno, oneri aggiuntivi per il personale, oneri aggiuntivi aziendali, altri oneri aggiuntivi); danni indiretti subìti dalle attività economiche che non hanno interrotto l’attività (mancato guadagno, oneri aggiuntivi per il personale, oneri aggiuntivi aziendali, altri oneri aggiuntivi).
 
SPORTELLO CONFESERCENTI EMERGENZA PONTE MORANDI
Per fornire assistenza alle imprese, associate e non, danneggiate dal crollo è attivo lo Sportello Confesercenti Emergenza Ponte Morandi, ai numeri di telefono 010-2485129, 010-2485128, cel. 345-6553699, cel. 342-6161029, cel. 348-2722489; e-mail genova @ confesercenti-ge.it, p.barbieri @ catliguria.it, matteo.pastorino @ catliguria.it, civ @ confesercenti-ge.it o presso la sede Confesercenti di Via Balbi 38b, II piano (davanti stazione Principe, di fronte Farmacia Pescetto).
 
Per ulteriori dettagli è possibile scaricare il Vademecum Confesercenti per la compilazione dei moduli e con ulteriori informazioni utili sull'emergenza.
 
Allegati:
Marco Gaviglio

Novità giuridiche finanziarie
Lo stabilisce la legge di bilancio pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre. Ogni datore di lavoro dovrà dunque corrispondere la retribuzione solo ed esclusivamente con un bonifico su conto corrente, con strumenti di pagamento elettronico, tramite assegno oppure in contanti, ma solo presso sportello bancario o postale.
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
Lavoro e contrattualistica
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Previsti incrementi salariali di 26 euro per i dipendenti dei panifici artigianali e di 27 euro per quelli a indirizzo produttivo industriale; una rivisitazione del contratto di apprendistato, nuovi limiti all'utilizzo del tempo determinato, l'introduzione del "lavoratore di primo impiego" e del "regime di reimpiego".
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie