Rapallo, le osservazioni di Confesercenti al nuovo Piano comunale del commercio

Enrico Castagnone - coordinatore di Confesercenti TigullioConfesercenti Tigullio contesta al Comune di Rapallo i tempi troppo brevi della concertazione necessaria a definire il nuovo Piano del commercio, ma è in sintonia con l'amministrazione per quanto riguarda i limiti previsti alla grande distribuzione, a cominciare dalle restrizioni in merito al numero minimo di parcheggi richiesti.
 
Questa, in sintesi, la posizione espressa dal coordinatore Enrico Castagnone nelle osservazioni alla bozza del nuovo Piano commerciale cittadino, inviate all'assessore al commercio Elisabetta Lai e al dirigente dei servizi tecnici Giorgio Ottonello.

«Considerata l'imminente scadenza di quello vigente, comprendiamo l'urgenza di dotarsi di un nuovo piano in tempi brevi, tuttavia stiamo parlando di un provvedimento che necessita di un adeguato confronto con gli operatori economici e con le associazioni di categoria, onde evitare quelle sottovalutazioni e "dimenticanze" che, come insegna il recente caso Coop, rischiano di avere pesanti ricadute sul tessuto commerciale», spiega Castagnone.

Scendendo nel merito del documento, il rappresentante di Confesercenti esprime «pieno apprezzamento per le limitazioni imposte alle varie fattispecie di grande distribuzione organizzata, anche in considerazione di una sua concetrazione superiore al 73% del totale dell'attuale superficie di attività commerciali miste. Riteniamo, anzi, che i principi contenuti nel piano debbano essere ulteriormente rafforzati, in particolare per quanto riguarda il limite della superficie netta di vendita (Snv) da imporre alle medie strutture e per quanto concerne l'implementazione degli standard di parcheggio».

A quest'ultimo proposito, Castagnone specifica le richieste dell'associazione: «Anche per le aggregazioni di esercizi singoli (Ags) e per le medie strutture di vendita (Msv) al di sotto degli 800 mq vanno mantenuti gli attuali 2,5 mq di parcheggio per ogni metro quadrato di Snv, escludendo dal computo della superficie gli accessi e le aree di transito e manovra. Inoltre, sulla scorta di quanto previsto dalla normativa regionale, i parcheggi pertinenziali devono sorgere necessariamente in prossimità della struttura entro un raggio, a nostro giudizio, di non oltre 50 metri».

Facendo riferimento al Testo unico regionale in materia di commercio, Castagnone invita poi a «prevedere una fascia di rispetto di un chilometro intorno al centro storico urbano ricompreso nella zona A del Piano urbanistico, entro cui impedire l'apertura di medie strutture con una superficie netta di vendita superiore ai 1.000 mq» e offre la «massima disponibilità a collaborare alla realizzazione di un Patto d'area, in affiancamento o in sostituzione del Patto per la sicurezza di cui non si è più avuta notizia».
 
Marco Gaviglio

Novità giuridiche finanziarie
Lo stabilisce la legge di bilancio pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre. Ogni datore di lavoro dovrà dunque corrispondere la retribuzione solo ed esclusivamente con un bonifico su conto corrente, con strumenti di pagamento elettronico, tramite assegno oppure in contanti, ma solo presso sportello bancario o postale.
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
Lavoro e contrattualistica
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Previsti incrementi salariali di 26 euro per i dipendenti dei panifici artigianali e di 27 euro per quelli a indirizzo produttivo industriale; una rivisitazione del contratto di apprendistato, nuovi limiti all'utilizzo del tempo determinato, l'introduzione del "lavoratore di primo impiego" e del "regime di reimpiego".
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie