Rapallo, Confesercenti: «Senza una gestione definita della tassa di soggiorno non ci saranno risultati per il turismo»

RapalloDopo la riunione sulla tassa di soggiorno convocata dal Comune di Rapallo lo scorso 30 gennaio, restano sul tavolo alcuni punti non definiti, come d’altra parte evidenziato, il giorno successivo, dal resoconto del Secolo XIX.
 
Esistono infatti ragionevoli dubbi sulla congruità della determinazione degli importi, poiché tariffe popolari penalizzerebbero il senso e la possibilità d’impiego delle risorse della tassa ma, soprattutto, c’è più di una perplessità sulla destinazione e l’utilizzazione dei fondi da parte dell’amministrazione.

«È condizione inderogabile, prevista dal Patto per il Turismo della Regione Liguria cui il Comune ha aderito, che almeno il 60% dei fondi siano destinati alla promozione turistica e, peraltro, ci auguriamo che in questa prima fase la percentuale salga ulteriormente – spiega Filippo Fossati, coordinatore di Assohotel Confesercenti Rapallo –. Le risorse per le manifestazioni devono infatti andare prioritariamente ad eventi che abbiano rilevanza a livello nazionale e internazionale; inoltre occorre una pesante operazione di marketing, specie digitale, fuori dai confini regionali, nell’ottica di quanto già ampiamente sperimentato dall’attuale amministrazione di Rapallo. Aggiungo che è anche poco conveniente pensare a bassi livelli tariffari, poiché non giustificherebbero l'introduzione della tassa di soggiorno, penalizzando le reali possibilità di fare promozione».

«Quello che chiediamo – aggiunge Enrico Castagnone, coordinatore di Confesercenti Rapallo e Tigullio – è quindi che venga istituito un tavolo di confronto permanente sulla tassa di soggiorno, composto da tutte le associazioni di categoria maggiormente rappresentative del comparto a livello regionale, che presenti un piano dettagliato d’impiego delle risorse preventivate, seguito da un consuntivo a fine anno e da incontri periodici di monitoraggio. Inoltre riteniamo che si debba sfruttare l’occasione per ribadire un forte impegno nella lotta all’abusivismo di settore, attraverso l’incrocio dei dati delle strutture. Da ultimo, chiediamo che siano oggetto di confronto anche le risorse destinate alle manutenzioni, per impiegarle prioritariamente in opere aventi ricadute sul sistema dell’accoglienza turistica cittadina».
 
Marco Gaviglio
 
Leggi anche su:

Novità giuridiche finanziarie
Lo stabilisce la legge di bilancio pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 dicembre. Ogni datore di lavoro dovrà dunque corrispondere la retribuzione solo ed esclusivamente con un bonifico su conto corrente, con strumenti di pagamento elettronico, tramite assegno oppure in contanti, ma solo presso sportello bancario o postale.
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
Lavoro e contrattualistica
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Previsti incrementi salariali di 26 euro per i dipendenti dei panifici artigianali e di 27 euro per quelli a indirizzo produttivo industriale; una rivisitazione del contratto di apprendistato, nuovi limiti all'utilizzo del tempo determinato, l'introduzione del "lavoratore di primo impiego" e del "regime di reimpiego".
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie