L'effetto saldi non c'è più. Recine: «Chi ha comprato lo avrebbe fatto lo stesso»

I saldi non tirano più. O almeno, non in questa collocazione e con questa formula. I timori paventati da Confesercenti alla vigilia sono stati confermati dalla prova dei fatti, con una prima giornata che, a Genova, non ha certo fatto da detonatore alle vendite. La conferma arriva da Francesca Recine, presidente provinciale Fismo e vicepresidente nazionale dell'associazione che rappresenta i negozi di abbigliamento e calzature aderenti a Confesercenti: «Sinceramente non si è vista la differenza con i giorni precedenti, anzi: venivamo da settimane molto positive, che avevano registrato una ripresa degli affari a livelli pre-Covid, e l'impressione è che chi, oggi, è venuto a comprare, lo avrebbe fatto lo stesso, anche se non ci fossero stati i saldi. L'effetto richiamo, insomma, non ha funzionato».

«Ogni anno che passa - prosegue la presidente Fismo - siamo sempre più convinti che un inizio così anticipato dei saldi sia controproducente: contrae il margine degli esercenti e, ormai, non serve nemmeno più ad invogliare i clienti, subissati come sono di promozioni continue nell'arco dell'anno. In estate, poi, contribuisce pure il gran caldo ad allontanare le persone dallo shopping, tant'è che oggi il movimento c'è stato soprattutto nelle ore più fresche del mattino e in centro storico, grazie alla presenza dei turisti. Ma poi, come era ovvio che fosse, la gente è andata al mare».

«Il mondo del commercio è cambiato ed il meccanismo dei saldi va completamente rivisto - conclude Recine -. Bisogna riscrivere le regole del gioco, tenendo conto delle nuove dinamiche di consumo, sempre più intecciate ai flussi turistici e, quindi, diverse a seconda dei territori. E se davvero vogliamo salvare l'istituzione "saldi", allora restituiamole il senso stesso per cui questa pratica era nata: segnare il passaggio dalla stagione estiva a quella invernale, e viceversa, andandosi a collocare nel periodo di effettivo cambio delle collezioni».
 
Marco Gaviglio
 
Rassegna stampa:

Novità giuridiche finanziarie
L’azzeramento dell’Irap è un intervento della Regione Liguria per rivitalizzare il tessuto produttivo e migliorare le capacità di investimento delle pmi. Per esercitare questo diritto, le imprese in possesso dei requisiti necessari dovranno fare domanda entro il 31 marzo prossimo.
Abolizione di Equitalia, con conseguente rottamazione delle cartelle; soppressione del tax day del 16 giugno con ridistribuzione delle scadenze fiscali; sostituzione degli studi di settore con quelli che vengono definiti indici di affidabilità fiscale; misure per il rientro dei capitali. Sono solo alcune delle tante novità per i contribuenti.
Lo scorso 31 ottobre è apparsa sulla Gazzetta ufficiale la legge istitutiva del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione, contenente le deleghe al governo in materia di ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria. Ufficializzate anche le date per il rinnovo delle concessioni dei chioschi
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie