Ex Mira Lanza, Spigno: «No a nuova gdo, si drenano solo le attività già esistenti»

«Apprendiamo che anche il progetto per il recupero dell'area dell'ex Mira Lanza, in Valpolcevera, prevede di destinare una parte importante alla grande distribuzione, come se Genova non ne fosse già satura, e come se ci fossero ancora nuove quote di mercato a cui attingere in una città che, invece, è in costante impoverimento ed inesorabile contrazione demografica», commenta Massimiliano Spigno, presidente di Confesercenti Genova, a proposito del via libera dato dalla giunta comunale al progetto urbanistico operativo per la trasformazione in polo polifunzionale dell'area compresa tra via Teglia e Rivarolo, dismessa da ormai oltre vent'anni.

«Da almeno dieci anni a questa parte, e forse anche di più, l'equilibrio tra grande distribuzione organizzata e piccolo commercio nella nostra città è stato completamente stravolto: per accorgersene è sufficiente fare un giro nei vari quartieri, ma sarebbe bello conoscere anche i dati in possesso della pubblica amministrazione, perché è impossibile che non si abbia percezione del fenomeno e si continui ad aprire supermercati da Ponente a Levante. Anche in questo caso, quanto proposto per l'ex Mira Lanza rischia di avere il solo effetto di drenare ulteriori attività dal quartiere, in un gioco a somma zero per il nostro tessuto economico: il potere d'acquisto delle famiglie non è certo cresciuto, anzi, e aprendo l'ennesimo supermercato non si aumentano i consumi, li si sposta solo da un luogo all'altro. Guardiamo cosa è successo, in tempi recenti, a Molassana, o cosa rischia di accadere in Corso Sardegna con il restyling del vecchio mercato ortofrutticolo; per non parlare della desertificazione commerciale provocata, a Sampierdarena, dalla Fiumara, che andrebbe presa ad esempio di riqualificazione urbana da evitare e, invece, sembra essere ancora il modello di riferimento degli amministratori di ogni colore politico», conclude Spigno.
 
Marco Gaviglio
 
Rassegna stampa:

Novità giuridiche finanziarie
L’azzeramento dell’Irap è un intervento della Regione Liguria per rivitalizzare il tessuto produttivo e migliorare le capacità di investimento delle pmi. Per esercitare questo diritto, le imprese in possesso dei requisiti necessari dovranno fare domanda entro il 31 marzo prossimo.
Abolizione di Equitalia, con conseguente rottamazione delle cartelle; soppressione del tax day del 16 giugno con ridistribuzione delle scadenze fiscali; sostituzione degli studi di settore con quelli che vengono definiti indici di affidabilità fiscale; misure per il rientro dei capitali. Sono solo alcune delle tante novità per i contribuenti.
Lo scorso 31 ottobre è apparsa sulla Gazzetta ufficiale la legge istitutiva del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione, contenente le deleghe al governo in materia di ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria. Ufficializzate anche le date per il rinnovo delle concessioni dei chioschi
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie