Al via il 3 luglio i saldi estivi. Recine (Fismo): «Occasione persa per la categoria»

Domani, sabato 3 luglio, scattano i saldi estivi 2021 in tutta Italia, ad eccezione della Puglia e del Trentino-Alto Adige: un ritorno alla collocazione degli ultimi anni dopo che, nel 2020 post lockdown, erano invece slittati all'inizio di agosto, una data certamente più coerente con la natura stessa di quelle che - è bene ricordare - sarebbero le vendite di fine stagione.

«Mai come quest’anno occorreva un nuovo posticipo della data, proprio come era stato nel 2020, dal momento che stiamo vivendo le stesse dinamiche – commenta Francesca Recine, presidente Fismo Confesercenti Genova –. Il settore moda è ancora alle prese con una lenta ripartenza successiva ad un periodo di forti limitazioni e la speranza, questa volta, è di non fermarci più».

«Purtroppo – prosegue Recine – hanno prevalso ancora una volta interessi che non sono certamente quelli degli esercenti di vicinato che, durante la pandemia, hanno ulteriormente dimostrato la loro importanza per il tessuto cittadino e, oggi, sono letteralmente sfibrati da stop forzati e svendite. Speriamo davvero che, anche per il nostro settore, si possa costruire un percorso di sostenibilità a 360 gradi, nel quale a essere premiati siano la qualità del capo, il valore aggiunto dato dal servizio e la relazione creata da chi accoglie il cliente nel proprio punto vendita».

«Le condizioni per un cambiamento ci sono – conclude la presidente Fismo –, perché la pandemia ha determinato un forte ripensamento rispetto al ruolo dei valori, della fiducia e del contatto, e perché gli operatori sono sempre più consapevoli che la politica dello sconto fine a sé stesso sta erodendo il settore dal punto di vista economico, professionale e sociale. Un plauso va fatto ai colleghi delle associazioni di categoria delle province autonome di Trento e Bolzano e della Puglia, dove i saldi, grazie alla comunione d’intenti, inizieranno dopo la metà di luglio».

Marco Gaviglio
 
Rassegna stampa:

Novità giuridiche finanziarie
L’azzeramento dell’Irap è un intervento della Regione Liguria per rivitalizzare il tessuto produttivo e migliorare le capacità di investimento delle pmi. Per esercitare questo diritto, le imprese in possesso dei requisiti necessari dovranno fare domanda entro il 31 marzo prossimo.
Abolizione di Equitalia, con conseguente rottamazione delle cartelle; soppressione del tax day del 16 giugno con ridistribuzione delle scadenze fiscali; sostituzione degli studi di settore con quelli che vengono definiti indici di affidabilità fiscale; misure per il rientro dei capitali. Sono solo alcune delle tante novità per i contribuenti.
Lo scorso 31 ottobre è apparsa sulla Gazzetta ufficiale la legge istitutiva del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione, contenente le deleghe al governo in materia di ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria. Ufficializzate anche le date per il rinnovo delle concessioni dei chioschi
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie