La Spezia, su tassa di soggiorno si chiede al sindaco incontro con associazioni di categoria

Confesercenti La Spezia intende opporsi senza esitazioni alla decisione dell’amministrazione comunale della Spezia, appena resa nota, di raddoppiare l’importo dell’imposta di soggiorno a partire dal corrente anno.
 
L’inasprimento dell’imposta, decisamente eccessivo, coglie di sorpresa le associazioni di categoria e gli operatori del settore mai coinvolti, fino ad ora, in una discussione aperta su questo tema.
 
Nonostante le raccomandazioni più volte indirizzate all’amministrazione della Spezia ed alle altre amministrazioni comunali circa la necessità di non introdurre novità così rilevanti a pacchetti turistici già abbondantemente venduti per la stagione che ormai è alle porte, ci ritroviamo ad affrontare un problema che rischia di recare notevoli danni ad un settore che è diventato di importanza strategica anche nella città capoluogo.
 
Con la speranza che si possa ancora rimediare a questo che Confesercenti considera un grave errore, l’organizzazione chiede al sindaco di convocare quanto prima un incontro con tutti i rappresentanti di categoria interessati alla questione.
Oltre all’aspetto riguardante l’inasprimento dell’imposta ed ai tempi di applicazione, esiste anche il tema relativo all’utilizzo del gettito derivante dall’imposta di soggiorno.
 
I comuni che hanno sottoscritto il “Patto per il Turismo” con la Regione Liguria, quindi anche il Comune della Spezia, sono chiamati a mantenere l’impegno di consultare le associazioni di categoria e discutere con esse come impiegare gli introiti derivanti dall’imposta di soggiorno a beneficio del settore turistico.
 
Anche di questi temi si occuperanno i direttori provinciali delle associazioni aderenti a Rete Imprese Italia (Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato, CNA)  che si riuniranno lunedì 22 gennaio 2018 alle ore 17 presso la sede della Confesercenti della Spezia alla quale spetta il compito di presiedere e coordinare Rete Imprese nel primo semestre di quest’anno.

Novità giuridiche finanziarie
L’azzeramento dell’Irap è un intervento della Regione Liguria per rivitalizzare il tessuto produttivo e migliorare le capacità di investimento delle pmi. Per esercitare questo diritto, le imprese in possesso dei requisiti necessari dovranno fare domanda entro il 31 marzo prossimo.
Abolizione di Equitalia, con conseguente rottamazione delle cartelle; soppressione del tax day del 16 giugno con ridistribuzione delle scadenze fiscali; sostituzione degli studi di settore con quelli che vengono definiti indici di affidabilità fiscale; misure per il rientro dei capitali. Sono solo alcune delle tante novità per i contribuenti.
Lo scorso 31 ottobre è apparsa sulla Gazzetta ufficiale la legge istitutiva del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione, contenente le deleghe al governo in materia di ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria. Ufficializzate anche le date per il rinnovo delle concessioni dei chioschi
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie