Bonus mobili applicabile anche per le ristrutturazioni avviate nel 2017

bonus mobiliL'Agenzia delle Entrate ha precisato che il cosiddetto bonus mobili, prorogato dall'ultima legge di bilancio al 31 dicembre 2017, si applica anche a chi abbia avviato i lavori di ristrutturazione nell'anno in corso. Un chiarimento resosi necessario in seguito a quanto previsto dal testo originario, secondo cui il bonus sarebbe spettato solo a quanti godessero della detrazione per lavori avviati dal 1 gennaio al 13 dicembre 2016. Sgomberato ora il campo da qualsiasi equivoco, il Fisco ha chiarito che anche per i lavori avviati nel corso del 2017 sarà possibile usufruire dell'agevolazione.
 
Il bonus si applica all'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici nuovi: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi. Rientrano nell'agevolazione anche gli apparecchi di illuminazione, considerati un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, pavimenti, tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo. Per quel che riguarda i grandi elettrodomestici, invece, si deve trattare di prodotti dotati di etichetta energetica di classe A+ o superiore (A o superiore per i forni elettrici).
 
Il tetto di spesa fiscalmente agevolabile è fissato a 10mila euro per appartamento, indipendentemente dall’ammontare delle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione, e a prescindere dal numero dei soggetti che sostengono le spese stesse. Altro necessario prerequisito è che vengano eseguiti lavori di tipo edilizio in senso stretto, mentre l'agevolazione è esclusa se, ad esempio, la ristrutturazione consiste nella semplice installazione di una grata di sicurezza.
 
 
Marco Gaviglio

Novità giuridiche finanziarie
L’azzeramento dell’Irap è un intervento della Regione Liguria per rivitalizzare il tessuto produttivo e migliorare le capacità di investimento delle pmi. Per esercitare questo diritto, le imprese in possesso dei requisiti necessari dovranno fare domanda entro il 31 marzo prossimo.
Abolizione di Equitalia, con conseguente rottamazione delle cartelle; soppressione del tax day del 16 giugno con ridistribuzione delle scadenze fiscali; sostituzione degli studi di settore con quelli che vengono definiti indici di affidabilità fiscale; misure per il rientro dei capitali. Sono solo alcune delle tante novità per i contribuenti.
Lo scorso 31 ottobre è apparsa sulla Gazzetta ufficiale la legge istitutiva del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione, contenente le deleghe al governo in materia di ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria. Ufficializzate anche le date per il rinnovo delle concessioni dei chioschi
Lavoro e contrattualistica
La misura rientra nell'ambito dell'accordo collettivo territoriale sottoscritto lo scorso 10 dicembre da Confesercenti, che estende a tutte le aziende associate della Città metropolitana di Genova la possibilità di applicare le deroghe ed esclusioni per le assunzioni a tempo determinato già previste per le aziende stagionali.
Mercato del Lavoro - Cassa integrazione - Detassazione - Apprendistato - Conciliazione - Attività Rlst
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie