La Spezia, su tassa di soggiorno si chiede al sindaco incontro con associazioni di categoria

Confesercenti La Spezia intende opporsi senza esitazioni alla decisione dell’amministrazione comunale della Spezia, appena resa nota, di raddoppiare l’importo dell’imposta di soggiorno a partire dal corrente anno.
 
L’inasprimento dell’imposta, decisamente eccessivo, coglie di sorpresa le associazioni di categoria e gli operatori del settore mai coinvolti, fino ad ora, in una discussione aperta su questo tema.
 
Nonostante le raccomandazioni più volte indirizzate all’amministrazione della Spezia ed alle altre amministrazioni comunali circa la necessità di non introdurre novità così rilevanti a pacchetti turistici già abbondantemente venduti per la stagione che ormai è alle porte, ci ritroviamo ad affrontare un problema che rischia di recare notevoli danni ad un settore che è diventato di importanza strategica anche nella città capoluogo.
 
Con la speranza che si possa ancora rimediare a questo che Confesercenti considera un grave errore, l’organizzazione chiede al sindaco di convocare quanto prima un incontro con tutti i rappresentanti di categoria interessati alla questione.
Oltre all’aspetto riguardante l’inasprimento dell’imposta ed ai tempi di applicazione, esiste anche il tema relativo all’utilizzo del gettito derivante dall’imposta di soggiorno.
 
I comuni che hanno sottoscritto il “Patto per il Turismo” con la Regione Liguria, quindi anche il Comune della Spezia, sono chiamati a mantenere l’impegno di consultare le associazioni di categoria e discutere con esse come impiegare gli introiti derivanti dall’imposta di soggiorno a beneficio del settore turistico.
 
Anche di questi temi si occuperanno i direttori provinciali delle associazioni aderenti a Rete Imprese Italia (Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato, CNA)  che si riuniranno lunedì 22 gennaio 2018 alle ore 17 presso la sede della Confesercenti della Spezia alla quale spetta il compito di presiedere e coordinare Rete Imprese nel primo semestre di quest’anno.

Novità giuridiche finanziarie
Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della Naspi può richiedere la liquidazione anticipata a titolo di incentivo all'avvio di un'attività lavorativa autonoma, come stabilito dall'Inps in una circolare contenente precisazioni in merito alla compatibilità delle indennità di disoccupazione con alcune tipologie di attività lavorativa e di reddito.
Vengono introdotte regole più stringenti per l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari prevedendo, in generale, una riduzione a 5mila euro della soglia al di sopra della quale è obbligatoria l'apposizione del visto di conformità nonché l'obbligo di utilizzo dei servizi telematici dell'Agenzia delle entrate per le compensazioni di qualunque importo.
L’azzeramento dell’Irap è un intervento della Regione Liguria per rivitalizzare il tessuto produttivo e migliorare le capacità di investimento delle pmi. Per esercitare questo diritto, le imprese in possesso dei requisiti necessari dovranno fare domanda entro il 31 marzo prossimo.
Rapporti con il fisco e previdenza
Uniformato il trattamento tra titolari di reddito di impresa e titolari di reddito di lavoro autonomo. Un altro decreto in dirittura d'arrivo, inoltre, stabilisce la proroga al 31 ottobre del termine per la presentazione del modello 770 e delle dichiarazioni su redditi e Irap.
L'Agenzia delle Entrate ha precisato che anche per i lavori avviati nell'anno in corso sarà possibile usufruire dell'agevolazione, applicabile all'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici nuovi per un tetto di spesa di 10mila euro per appartamento.
Agenzia delle Entrate e Ministero dello Sviluppo economico specificano per quali categorie di beni scattino la proroga del super ammortamento e l'introduzione dell'iper ammortamento, una maggiorazione del 150% del costo di acquisizione di determinati beni ai fini della deduzione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria.
Lavoro e contrattualistica
L'intesa sottoscritta lo scorso 7 settembre con Cgil, Cisl e Uil riguarda la rappresentanza ed il modello contrattuale e servirà da cornice ai futuri rinnovi dei contratti relativi a Servizi e Turismo. Il commento del presidente di Confesercenti Liguria Marco Benedetti e dei rappresentanti sindacali.
L'accordo offre alle aziende aderenti a Confesercenti e all'Ente bilaterale di poter usufruire dei regimi agevolati previsti. Per maggiori informazioni e assistenza negli adempimenti necessari, si rimanda ai referenti Federico Bozzo (tel. 010-2485111) e Cristina D'Arienzo (tel. 010-2485113).
Previsti incrementi salariali di 26 euro per i dipendenti dei panifici artigianali e di 27 euro per quelli a indirizzo produttivo industriale; una rivisitazione del contratto di apprendistato, nuovi limiti all'utilizzo del tempo determinato, l'introduzione del "lavoratore di primo impiego" e del "regime di reimpiego".
Sviluppo e creazione d'impresa
Il servizio, offerto da Invitalia, mette a disposizione 50 milioni di euro sotto forma di prestiti a tasso zero a favore della nuova imprenditorialità rivolta ai giovani under 35 e alle donne. Gli uffici di Confesercenti sono a disposizione delle imprese per assistenza nella compilazione della domanda.
Di seguito un estratto dalle banche dati della rete Enterprise Europe Network relative alla ricerca di partner per progetti di ricerca e innovazione finanziabili dal programma Horizon 2020, nonchè alle richieste di collaborazioni tecnologiche e commerciali inerenti diversi settori di attività.
Lo strumento consiste in un fondo rotativo nazionale per finanziare iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità agli under-30 iscritti a Garanziagiovani, attraverso credito agevolato: erogherà prestiti a tasso zero per importi da 5mila a 50mila euro. Domande a partire da metà gennaio.
Confesercenti Liguria - Codice Fiscale 95005740105 - Giornale On line - Copyright © Confesercenti Liguria All rights reserved - Credit  -  Informativa sui cookie